Un ippopotamo nel giardino di Gianluca Vacchi, imprenditore bolognese e star dei social: il video sul suo profilo Instagram diventa virale, tanto da far scattare segnalazioni e controlli dei carabinieri forestali. La clip è stata pubblicata da Vacchi su Instagram il 10 febbraio e ha totalizzato cinque milioni di visualizzazioni e oltre 10mila commenti. Nel video si vede l’imprenditore che offre alcune mele al pachiderma ‘Pippo’ nel giardino della sua villa a Castenaso, in provincia di Bologna. Dalle immagini i carabinieri forestali hanno avviato accertamenti e, su disposizione della Procura, hanno effettuato un sopralluogo nella residenza, senza però trovare il pachiderma. Al vaglio dei militari, specializzati nella tutela di animali e piante protette, anche la spiegazione fornita da Vacchi. E cioè che l’ippopotamo sarebbe rimasto nella sua residenza il tempo per girare il video. I carabinieri dovranno chiarire da dove provenisse esattamente l’animale e se, per la Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, si possano profilare sanzioni amministrative o penali per la sua presenza in un’abitazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, lo sgombero mette tutti d’accordo. Ma al bimbo malato chi ci pensa?

prev
Articolo Successivo

Bari, ivoriana di 47 anni aggredita da un gruppo di donne: “Calci e pugni perché nera. E la soccorritrice non mi credeva”

next