È ufficiale. Adrian, lo show ideato e scritto da Adriano Celentano, è stato rimandato a data da destinarsi, presumibilmente tra settembre e ottobre. A comunicarlo una nota congiunta, scritta da Clan e Mediaset. “Per esigenze di salute e di convalescenza di Adriano Celentano le ulteriori cinque puntate di Adrian vengono riprogrammate per settembre/ottobre 2019. Il giorno esatto di messa in onda sarà comunicato successivamente”, si legge nel documento. La Srl del cantante e Cologno Monzese specificano poi che “come da originario sviluppo del programma che vedeva l’aumento progressivo della presenza di Adriano Celentano, quest’ultimo sarà presente in scena in tutte le restanti cinque puntate previste”.

Le indiscrezioni su un possibile rinvio erano già uscite lo scorso venerdì su TvBlog. Il sito aveva rivelato la decisione di sospendere la messa in onda per questa stagione televisiva e quella di rinviare le cinque puntate rimaste al prossimo autunno, addirittura cambiando canale: non più sulla rete ammiraglia, Canale 5, come per i primi episodi, ma su Italia 1 o Rete 4. La serie già lo scorso 6 febbraio era stata sospesa per problemi di salute del Molleggiato.

Lo spettacolo evento fin dall’inizio ha avuto “problemi di ascolti”. Il secondo appuntamento dello show evento di Adriano Celentano, lo scorso 22 gennaio, era stato visto da soli 3.965.000 telespettatori e il 15% di share nella prima parte e da 2.883.000 e il 13,3% nella seconda. Numeri non positivi che avevano confermato il trend negativo iniziato fin dalla prima puntata, fatta terminare addirittura un’ora prima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nsl, nasce una nuova tv. Che ha dell’incredibile

next
Articolo Successivo

Isola dei Famosi, Riccardo Fogli ha un malore ed è costretto a ritirarsi: si era sentito male anche giorni fa

next