Trionfo di Sofia Goggia nella discesa libera di Crans Montana, in Svizzera, valida per la Coppa del mondo femminile di sci. In una gara segnata da diverse interruzioni, tra problemi al cronometro e cadute, l’azzurra scesa con il pettorale numero 13 si è imposta con il tempo di 1’29”77, staccando di 36 centesimi la svizzera Joana Haehlen e di 45 centesimi la connazionale Lara Gut, che, dopo una revisione dei tempi dovuta a problemi con il cronometro riscontrati durante la gara, ha rocambolescamente scalzato Nicole Schimidhofer, inizialmente data sul podio.

“Risultato meno scontato di quanto possa apparire, non è stato facile perché ci sono state delle interruzioni, gli intervalli erano lunghi e diventava sempre più difficile – ha commentato Sofia Goggia -. In più mi hanno fermata a 10″ dalla partenza con i bastoni già puntati fuori dal cancelletto, però sono rimasta concentrata e mi sono detta di fare la mia gara. Ho voglia tanta di gareggiare e sciare forte, mostrare le cose di cui sono capace. Sto vivendo questi risultati con molta tranquillità, credo di provare maggiore gioia nell’immaginarli piuttosto che viverli, mi piace tanto lavorare per raggiungerli, e il successo è una naturale conseguenza”.

La 26enne bergamasca, reduce dai Mondiali di Are dove ha conquistato l’argento in Super-G, torna sul gradino più alto del podio per la prima volta dopo l’infortunio al malleolo che l’aveva costretta a saltare la prima parte della stagione. Per lei è la sesta vittoria in carriera di Coppa del mondo,  arrivata a quasi un anno di distanza dall’ultima, centrata proprio ad Are a marzo 2018. Nella top ten odierna ci sono anche Federica Brignone e Nadia Fanchini, rispettivamente ottava e nona, mentre ha chiuso dodicesima Nicol Delago.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Red Bull Cliff Diving, riparte la sfida mondiale di tuffi da grandi altezze: il video di presentazione è mozzafiato

prev
Articolo Successivo

Vanessa Ferrari, dopo un anno di stop la campionessa torna a vincere e stupire

next