È stata presentata a Maranello la nuova Ferrari per la stagione 2019: si chiama SF90, in omaggio ai 90 anni della scuderia, e si presenta di un colore rosso opaco tendente all’arancione diverso dal solito rosso Ferrari. La monoposto della Rossa, con al volante il confermato Sebastian Vettel e il nuovo pilota Charles Leclerc, monegasco classe ’97, esordirà il 17 marzo a Melbourne nel mondiale di Formula Uno. Inserti neri e linee semplici, la nuova macchina presenta sul davanti la scritta Mission Winnow.

“Abbiamo molte aspettative, siamo l’orgoglio dell’intera nazione e di milioni di tifosi. Abbiamo una grande responsabilità e la accettiamo, sicuri del talento e delle abilità delle persone che lavorano per raggiungere la nostra ambizione, sempre rispettando i nostri competitor”. Così Louis Carey Camilleri, amministratore delegato della Ferrari, presente alla cerimonia insieme a John Elkann. “La stagione passata è stata la migliore degli ultimi dieci anni, ma non abbiamo raggiunto i nostri obiettivi. Ma vi assicuro che guardiamo al futuro con forte impegno e grande determinazione”, ha aggiunto l’ad del Cavallino.

“Sono estremamente emozionato per questa avventura, è un sogno che avevo sin da bambino quello di guidare la Ferrari”, ha detto Charles Leclerc nel corso della presentazione. “Ho fatto parte dell’Academy Ferrari, mi ha aiutato molto nella crescita come pilota, il mio obiettivo era avere posto qui. Sono molto orgoglioso ed emozionato”, ha spiegato. “Se sento la pressione? È più un’opportunità, per me, stare a fianco di un pilota come Sebastian, un grandissimo campione, posso imparare da lui. Sono sicuro – ha aggiunto – che sarà una stagione incredibile, il punto chiave sarà lavorare tutti insieme, ce la faremo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari, a Maranello è in atto una rivoluzione

prev
Articolo Successivo

Ferrari 2019, la nuova SF90 lascia un po’ delusi. E per ora non fa paura

next