Dopo che il premier Giuseppe Conte solo ieri, davanti alla plenaria del Parlamento Ue, aveva difeso la necessità di fare altre valutazioni sull’opera varata 25 anni fa, anche oggi è tornato a parlare del Tav. E ha garantito che il governo prenderà posizione a breve: “La decisione del governo“, si legge in una nota, “arriverà nelle prossime settimane” e “non sarà condizionata da posizioni preconcette”.

Quindi ha continuato: “L’Analisi costi benefici sul Tav, affidata ad accreditati esperti è stata ultimata e pubblicata sul sito del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. Avevamo garantito che gli esiti di questa valutazione sarebbero stati resi disponibili a tutti i cittadini, in modo da rendere trasparente l’intero processo decisionale. Da questa analisi tecnica, che non può essere definita di parte perché non se ne condividono i risultati, il governo muoverà nelle prossime settimane, per giungere a formulare una complessiva decisione politica, che non sarà condizionata da posizioni preconcette, ma sarà interamente mirata a realizzare l’interesse generale”. Secondo l’agenzia Adnkronos, Conte ha anche parlato con Di Maio e lo ha rassicurato. “Sono sei mesi”, avrebbe detto secondo fonti vicine ai vertici, “che dico di attendere l’analisi costi-benefici senza mai esprimere posizioni di parte e ora la mettiamo in discussione, ma stiamo scherzando?”.

La discussione sulla Torino-Lione tra le due forze di governo, intanto, è ancora accesa. Il documento, che stima costi superiori ai benefici per almeno 7 miliardi, è finito nel mirino anche della Commissione dell’Unione europea. “Lo stiamo ancora analizzando. Certo più passa il tempo e accumuliamo ritardi, più i rischi che conosciamo aumentano. Speriamo di avere un incontro produttivo con le autorità italiane”, ha affermato l’esecutivo Ue.

Oggi sul testo è intervenuto anche il professor Marco Ponti, a guida della Commissione speciale che ha redatto l’analisi. “Non credo che ci stato alcun atteggiamento ideologico. I numeri parlavano questo linguaggio già prima e su questi si basa il parere negativo”, ha detto Ponti in audizione alla commissione Trasporti della Camera, presentando il documento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Diciotti, Giarrusso (M5s): “Gli attivisti capirebbero il no al processo per Salvini. Nostri principi non sono in discussione”

next
Articolo Successivo

Berlusconi, nuovo show su Rete4 contro M5s: “Italiani, siete un vergogna. Ma come si fa a ragionare così?”

next