“Rimettere in discussione un’opera già iniziata è di per sé indice di poca serietà. Se si fa una analisi costi-benefici con un pregiudizio negativo sull’opera, si prendono in giro le persone”. Lo ha detto Carlo Calenda, rispondendo alle domande dei cronisti sulla Tav, all’uscita della sede del Pd.  “Non si sta bloccando solo la Tav – ha aggiunto l’ex ministro – ma anche tutte le altre infrastrutture, come la Campogalliano-Sassuolo, il Passante di Bologna. Siamo in recessione e si bloccano le opere” ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, Giachetti: “Moretti rinuncia a prescrizione? Grande gesto”. Ira famiglie: “Parliamo di due diversi?”

next
Articolo Successivo

Ue, Verhofstadt (Alde) a Conte: “Per quanto tempo intende essere il burattino di Salvini e Di Maio?”

next