“Siamo qui perché vogliamo delle risposte”. A dirlo alcuni pastori sardi scesi in piazza oggi a Montecitorio, alla manifestazione Coldiretti, per protestare contro il prezzo fissato per il latte di pecora. “Il prezzo giusto deve essere almeno un euro al litro” aggiungono. “In Sardegna – ha detto Battista Cualbu, pastore e presidente di Coldiretti Sardegna – stiamo vivendo una situazione drammatica. Non avremmo mai voluto fare atti estremi. La protesta nasce dal cuore e a volte bisogna arrivare a gesti forti per sensibilizzare tutti. In molti il latte lo stanno danno in beneficenza. Per stare con i pastori bisogna farlo con i fatti comprando i nostri prodotti e non facendo attrarsi dai bassi prezzi e da prodotti che magari vengono da fuori”. Cualbu ha poi ricordato: “Ieri abbiamo incontrato il ministro in Sardegna che ha proposto un tavolo per il 21. Ben vengano i tavoli, ma servono risposte concrete. Facciamo un appello a tutta la politica. Non possono venire a fare vetrina politica in Sardegna. Servono risposte. Vogliamo atti concreti dalla politica. Sono a rischio le nostre aziende e dei nostri figli”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sardegna, protesta dei pastori in piazza a Nuoro: il sindaco rovescia il latte insieme ai manifestanti

prev
Articolo Successivo

Modena, aprono bottiglia di champagne con una sciabola: 15enne ferita a un occhio da frammento di vetro

next