I genitori di un tredicenne hanno denunciato, sabato scorso, ai carabinieri un consigliere comunale leghista di Bellusco (Monza), accusandolo di aver colpito con una testata loro figlio, fratturandogli il setto nasale, per un petardo lanciato vicino a casa sua, venerdì sera a Bellusco (Monza). Secondo il loro racconto, il ragazzino, italo-egiziano, si trovava all’esterno dell’abitazione del consigliere insieme ad altri due coetanei. Uno, stando alle parole degli stessi ragazzini, sarebbe stato a sua volta aggredito a schiaffi e calci dallo stesso consigliere, mentre l’altro, un nordafricano, sarebbe stato apostrofato per la sua nazionalità. Il tredicenne, medicato in ospedale, è stato dimesso con una prognosi di sette giorni per la frattura. Le altre due coppie di genitori stanno valutando se sporgere o meno denuncia. L’accaduto e le dichiarazioni dei ragazzi sono ora al vaglio dei carabinieri, così come quelle di alcuni testimoni.

Fernando Biella sarebbe stato esasperato per le intemperanze dei ragazzi, vicino a casa sua. Biella, secondo quanto riporta il Corriere, ha ammesso di aver colpito, ma nega di aver tirato una testata e di aver rivolto insulti razzisti. “Non accetto questa ricostruzione – ha dichiarato alla stampa locale – da tempo questi ragazzi buttano petardi in casa mia, sono uscito per dire loro di smetterla, ma sono stato aggredito con un calcio al ginocchio”. Alla scena avrebbero assistito molte persone e i loro racconti sono al vaglio degli investigatori.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, Chiara Appendino è sotto scorta: “La sindaca è nel mirino degli anarchici”

next
Articolo Successivo

Torino, gli anarchici protestano nell’aula bunker: “Giù le mano dall’Asilo”. Udienza interrotta

next