“All’estensore del documento sulla Tav, il professor Marco Ponti, è stato vietato di venire a riferire in Commissione Trasporti, mentre gli è stato consentito di andare riferire al gruppo dei 5 stelle”. Lo ha affermato in aula alla Camera, protestando a nome del Pd, il deputato Davide Gariglio specificando di averlo visto “con i miei occhi”. Gariglio ha quindi chiesto “di far valere le prerogative del Parlamento”. Alla richiesta si è unito anche Giorgio Mulé di Forza Italia, e Augusta Montaruli di Fdi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, Di Stefano (M5s): “Non c’è bisogno di spedire mozzarelle 20 minuti prima in Francia”. I produttori protestano

prev
Articolo Successivo

Treviso, comune leghista vieta a don Ciotti di parlare di mafia e migranti a teatro. Pd: “Censura”

next