In attesa di capire con chiarezza come si evolverà la situazione della Brexit e quali saranno le sue conseguenze, emerge un dato interessante per il mercato immobiliare.

Come rivela un recente studio di Immobiliare.it, a gennaio 2019 le ricerche di immobili in Italia provenienti dal Regno Unito sono aumentate del 47% rispetto allo stesso periodo del 2018.

A meno di due mesi dal 29 marzo 2019, data prevista per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, non sono ancora chiare le modalità di attuazione della Brexit. Anche per questo motivo gli italiani che vivono Oltremanica stanno valutando diverse opzioni con le loro ricerche online.

Secondo l’analisi di Immobiliare.it, chi comincia a informarsi su un possibile rientro in Italia parte dalle locazioni: l’80% delle ricerche riguarda infatti il mercato degli affitti.

Le città preferite nelle ricerche dei nostri connazionali Oltremanica sono Milano (+70% di ricerche dal Regno Unito in un anno), Torino e Roma, in cui il traffico è aumentato rispettivamente del 55% e del 35%. Il budget medio indicato nella fase iniziale delle ricerche è di 1.800 euro al mese per un bilocale in affitto, cifra che si abbassa poi a 1.200 euro una volta appurato che il mattone in Italia costa meno rispetto al Regno Unito. Un bilocale nel quartiere Isola di Milano, ad esempio, costa circa il 30% in meno rispetto ad un immobile simile nella zona Camden a Londra.

Per quanto riguarda la provenienza geografica delle ricerche, la città britannica da cui si è registrato il maggior incremento di traffico è Liverpool: +103% in un anno. Al secondo posto Bristol, con un’impennata del 95%; seguono Edimburgo (+75%) e Londra (+45%). «Un’eventuale migrazione di ritorno dal Regno Unito all’Italia – afferma Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it – porterebbe a un’ulteriore accelerazione del mercato degli affitti e quindi ad altri aumenti dei canoni di locazione».

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bonus Casa: agevolazioni confermate per il 2019

prev
Articolo Successivo

Bolletta elettrica: nel 2018 prezzi più alti degli ultimi 10 anni

next