Scambio di accuse, a distanza di pochi minuti sul palco dell’Ergife di Roma, tra Dario Corallo e Carlo Calenda. Per l’ex candidato (dopo i risultati delle votazioni tra gli iscritti) alla segreteria del Pd “Calenda dice di essersi iscritto al partito da ubriaco, non abbiamo visione della sua visione conservatrice di Europa”. Ma l’ex ministro allo Sviluppo economico ha replicato che “ero molto lucido, caro mio. Non ho mai pensato che il Pd andasse sciolto. Anzi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, Di Maio: “Ridimensionamento è supercazzola”. Salvini: “Scambio con il voto sulla Diciotti? Non siamo al mercato”

prev
Articolo Successivo

Salvini gioca (come Berlusconi) la carta del perseguitato: “Sono il ministro più denunciato e insultato della storia”

next