Per il 57% degli italiani, il Senato dovrebbe negare l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini. Ad essere favorevole al processo al ministro dell’Interno è invece il 38% delle persone intervistate da Emg Acqua. Il sondaggio dell’istituto – realizzato il 29 gennaio – è stato presentato ad Agorà su Rai 3.

Per il leader della Lega è arrivata nei giorni scorsi una richiesta di autorizzazione a procedere da parte del tribunale dei ministri di Catania. L’accusa è sequestro di persona aggravato per i 177 migranti tenuti per cinque giorni a bordo della nave Diciotti ormeggiata nel porto della città siciliana. Nel dettaglio, la maggioranza dei sostenitori dell’area di governo vorrebbe che l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini fosse negata: di questa opinione è infatti il 97%  degli elettori della Lega e il 66% di quelli del Movimento 5 Stelle. Secondo il 60% degli elettori del Pd, invece, il Senato dovrebbe mandare comunque il ministro a processo. Il 22% dei dem preferisce comunque non esprimersi.

Nonostante l’inizio della discussione sulle accuse ai suoi danni nella giunta per le Immunità del Senato, tra l’altro, Salvini può comunque contare sul 49% degli italiani: un punto in più rispetto alla settimana scorsa. Lo segue, con il 47%, il premier Giuseppe Conte, mentre perde un punto Luigi Di Maio, che è al 42% . Alla domanda: “Chi conta di più nel governo?”, inoltre, il 55% degli intervistati ha risposto “Salvini”. Il ministro dell’Interno, però, perde un punto rispetto alle rilevazioni del 20 dicembre scorso. Rispetto alla stessa data guadagna invece 6 punti il premier Conte  – era 26%, è al 32% – , mentre ne perde 3 Luigi Di Maio che ora è al 9%.

Per quanto riguarda la fiducia nel governo, invece, il 43% degli italiani dà un giudizio positivo sull’esecutivo, che però perde un punto nel gradimento rispetto alla scorsa settimana. Negativo invece il giudizio del 35% degli intervistati. L’esecutivo piace di più agli elettori del M5s – 86% – rispetto al consenso che riscuote tra quelli dell Lega, al 78%. Positivo il giudizio del 50% degli elettori di Forza Italia, mentre scende al 10 la percentuale di elettori del Pd che condivide l’operato dell’esecutivo.

Sul fronte dei voti, invece, se si votasse oggi, secondo l’istituto di rilevazione il Movimento 5 stelle prenderebbe il 25,8%, perdendo più di mezzo punto rispetto alla scorsa settimana (-0,7). In lievissima crescita la Lega (+0,2%),  che è al 30,3%. In totale l’area di governo perderebbe però mezzo punto rispetto a sette giorni fa. Sale – sempre di poco –  l’opposizione di centrosinistra (+0,9%), che raggiungerebbe il 25,5 % dei consensi, ma anche quella di centrodestra (+0,2%), al 14,5 %. Nel dettaglio, migliora Forza Italia (+0,3%), che si attesta al 9,2 %; in lieve calo invece Fratelli d’Italia (-0,2%), al 4,5 %. Per quanto riguarda l’opposizione di centrosinistra, lieve crescita per il Partito democratico (+0,3%), che raggiunge il 18,2 %, e Più Europao (+0,4%), che è al 3 per cento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Recessione, Marattin (Pd): “Stanchi delle cialtronate di Di Maio”. Brunetta (FI): “Conte non sa nulla di economia”

next
Articolo Successivo

Il regionalismo differenziato mette in pericolo il Ssn. Ma tutta la politica è d’accordo

next