Attimi di paura a via della Navicella a Roma (a poche decine di metri dal Colosseo) dove, poco prima delle 19, è esploso, per cause in corso di accertamento, un tombino proprio sotto la fermata del bus della linea 81. Per fortuna non ci sono stati feriti, nonostante la fermata in quelle ore sia sempre molto frequentata dai turisti in visita alla zona archeologica, a villa Celimontana o alla Basilica di Santa Maria in Domnica alla Navicella, frontale alla fermata degli autobus. E’ stato proprio il parroco della Basilica a chiamare i Vigili del Fuoco “dopo aver sentito un forte botto e visto delle fiamme alzarsi alte dal tombino divelto”. Ha così fermato le automobili e le persone in strada, via peraltro lasciata da giorni per lunghi tratti al buio, per il timore di altre esplosioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Castelnuovo, al via il piano di accoglienza: insulti a chi decide di aiutare i migranti. Striscione di Casapound contro il sindaco

next