Un’indagine per omissione d’atti d’ufficio è stata aperta dalla procura di Roma. Il fascicolo è relativo al naufragio avvenuto il 19 gennaio scorso nel Mar Mediterraneo in cui morirono 117 persone. Fondamentale per stabilire il numero delle vittime è stato il racconto dei tre superstiti. Il procedimento non al momento alcun indagato ma è a carico di ignoti.

L’ufficio inquirente della Capitale ha avviato il fascicolo sulla base alle carte trasmesse per competenza dalla procura di Agrigento. Al centro delle indagini dei pm c’è l’attività svolta su questa vicenda dal Centro di coordinamento di ricerca e soccorso della Guardia costiera italiana. Il fascicolo è coordinato dal procuratore capo Giuseppe Pignatone.

Ad avvistare un gommone semiaffondato era stato un velivolo dell’Aeronautica militare italiana che aveva riferito di 20 persone a bordo. Poco dopo un elicottero della nostra Marina militare ha recuperato tre superstiti. Arrivati a Lampedusa, i naufraghi hanno riferito agli uomini dell’Oim, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, che sul gommone non c’erano solo altri 17 migranti, come emerso inizialmente, ma “circa 120, comprese 10 donne, di cui una incinta e due bambini, uno di appena qualche mese”, come aveva racconato al fattoquotidiano.it Flavio Di Giacomo (Oim).

Le autorità libiche avevano inviato una nave mercantile sul posto dove non è stato trovato nessun superstite, come aveva comunicato la Guardia Costiera italiana. Sul naufragio la procura militare di Roma ha acquisito gli atti “per una prima valutazione e per una compiuta informazione su quanto accaduto”. Nello stesso giorno un secondo naufragio – 53 i morti in questo caso – secondo l’Unhcr è avvenuto nei giorni scorsi nel Mare di Alborán, nel Mediterraneo occidentale. “E’ stato riferito che un sopravvissuto dopo essere rimasto in balia delle onde per oltre 24 ore, è stato soccorso da un peschereccio e sta ricevendo cure mediche in Marocco. Per diversi giorni navi di soccorso marocchine e spagnole hanno effettuato le operazioni di ricerca dell’imbarcazione e dei sopravvissuti, senza risultati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, arrivata a Catania: i migranti sbarcano. “Comandante sarà sentito in procura, ma nessun sequestro della nave”

next
Articolo Successivo

Venezia, volantini anonimi in piazza San Marco: preti accusati di pedofilia, chiesa di essere omertosa. Curia: “Denunciamo”

next