L’ex ministro dell Sviluppo Economico, Carlo Calenda, nel corso di Omnibus (La7) risponde a una critica espressa nei suoi confronti dal deputato Pd, Roberto Giachetti, ieri ospite della stessa trasmissione.
Calenda sta tornando alla vecchia politica” – ha accusato Giachetti – “perché normalmente uno dovrebbe prima dire il suo progetto per l’Europa, poi capire chi ci sta e infine occuparsi della formula tecnica sul modo migliore con cui si va a elezioni. Qua noi stiamo discutendo da 10 giorni non di un confronto di merito su quale Europa vogliamo, ma sulle formule tecnico-elettorali. Con un tweet ho chiesto a Calenda: ‘Facciamo un confronto tra i candidati su che Europa vogliamo? Organizzalo tu’. Si è taciuto“.

Calenda non ci sta e difende la sua lista “Siamo Europei”: “Secondo me, Giachetti si è distratto o forse era in sciopero della fame. Noi siamo gli unici che finora abbiamo fatto un manifesto programmatico, cioè siamo partiti dai contenuti. Di cosa pensa Giachetti sull’Europa non lo sa nessuno, perché finora si è parlato solo di quanto lui sia renziano rispetto a Martina, cosa che non frega nulla a nessun elettore, né di centrodestra, né di centrosinistra”. E si rivolge al compagno di partito: “Giachetti, leggiti il manifesto. Sono 3 pagine, ce la puoi fare. Tu auspichi un confronto e devo organizzarlo io? Organizzatelo voi. L’ultima volta che ho invitato tre persone a cena ho preso tanti di quei calci nel sedere che ancora me lo ricordo. Francamente io sono disponibile a qualunque confronto con chiunque, ma provare a organizzare cose a cui la risposta è ‘ciao, arrivederci e grazie’ no. Io vado avanti sul mio manifesto, si tratta di contenuti e di un’alleanza fatta sui programmi”.

Calenda, infine, precisa: “Non vogliamo ammucchiate, ma, attenzione, Giachetti: non accetto che si facciano critiche che non siano nel merito. Io non sono mai partito dalle vecchie formule della politica, come dici tu. Adesso portare questo manifesto nella discussione congressuale del Pd è, a mio avvisto, un totale errore. Poi se volete organizzare un confronto, ditemi dove e io arrivo. Non vi invito più a cena, perché l’ultima volta è andata malissimo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belpietro vs Gino Strada: “Aprite le porte a tutti”. “Siete matti, chi è il cretino che pensa di fermare emigrazioni?”

prev
Articolo Successivo

Diciotti, Minniti: “Salvini? Ha usato ostaggi per trattativa con Ue. M5s? Forse salverà il governo ma perderà l’anima”

next