“La memoria del governo in arrivo? Il nostro interlocutore è e resta Matteo Salvini“. A rivendicarlo è il presidente della Giunta per le elezioni e le immunità, Maurizio Gasparri, al termine della prima seduta dell’organismo che dovrà per primo decidere, in attesa dell’arrivo in Aula, sulla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno sul caso Diciotti. “Se il governo avrà cose da dire sarà lo stesso Salvini a riferircele, arricchendo la sua relazione”, ha aggiunto il senatore forzista, che ha proposto sette giorni di tempo per sentire il leader della Lega, il quale potrà chiedere di essere ascoltato o presentare una memoria. Gasparri ha poi spiegato che il voto in Giunta dovrebbe avvenire entro il 23 febbraio.

Ancora incerto il voto del M5s: “La memoria è una carta per poter giustificazione un voto contrario? Non sappiamo ancora. Siamo sempre stati fermi su queste materie, ma dobbiamo valutare caso per caso, non si può generalizzare”, ha spiegato il senatore Francesco Urraro. “Il nostro annuncio di voto favorevole era legato alla vecchia posizione di Salvini che voleva farsi processare. Ora la situazione è cambiata, ma non abbiamo ancora preso una decisione”, ha spiegato Mario Michele Giarrusso. Ad attaccare invece è il Partito democratico, con il senatore Francesco Bonifazi: “L’atto del Tribunale dei ministri è molto ben fatto e fondato, vediamo di capire cosa dirà Salvini. Chiaro che sarà decisivo l’atteggiamento del M5s, che mi sembrano molto confusi“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, l’ironia di Di Maio e Di Battista: “Ho una domandina per il Pd…”. “È incredibile, buon funerale”

prev
Articolo Successivo

Diciotti, Fiano: “M5s si autodenuncia? Trucco per motivare sì contro Salvini. Di Battista? Prima manettaro, ora cambia”

next