Buone notizie per chi è in cerca di un sostegno economico per ristrutturare casa. Come riportato da un recente articolo di Immobiliare.it, la nuova Legge di Bilancio ha confermato anche per il 2019 il Bonus Casa. Una buona opportunità per portare a termine lavori volti a migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione o effettuare acquisti di elettrodomestici finora rimandati.

Le aree di intervento del Bonus Casa 2019

Grazie alla conferma dei benefici fiscali sarà più semplice mettere in preventivo la riqualificazione energetica della propria abitazione, con il cosiddetto ecobonus, ma anche l’acquisto di nuovi mobili o la sistemazione delle aree verdi di proprietà.

Il pacchetto del Bonus Casa 2019 prevede agevolazioni diverse a seconda del tipo di operazione: sul fronte degli interventi per migliorare l’efficienza energetica si potrà avere un risparmio tra il 50% e il 65%; chi porterà a termine opere di recupero del patrimonio edilizio si vedrà corrisposta una detrazione Irpef pari al 50%. Detrazione fiscale del 50% prevista anche per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per arredare immobili oggetto di recente ristrutturazione edilizia: in questo caso il limite massimo di spesa è pari a 10.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Da ricordare, infine, i requisiti per accedere al bonus ristrutturazione: tra questi vi sono un tetto di spesa massima di 96 mila euro per unità immobiliare e l’aver avviato i lavori non prima del 26 giugno 2012. Sarà possibile richiedere le agevolazioni fiscali fino alla fine del 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercato immobiliare: bene il Nord e le grandi città

prev
Articolo Successivo

Regno Unito: boom di ricerche di case in Italia

next