“Ogni nostra azione in rete è tracciata, ormai c’è poco da fare”, dicono alcuni. “Con le opportune precauzioni si può preservare la nostra privacy“, replicano altri. “L’importante è che i nostri dati non vengano usati per fini illeciti”, aggiungono altri ancora. Il potere di profilazione degli algoritmi ormai è noto alla gran parte dei frequentatori di motori di ricerca e social network. Ne abbiamo parlato con i cittadini in strada. C’è chi evoca scenari orwelliani: “siamo nell’era della sorveglianza di massa, consegniamo le nostre vite ai big della rete e nemmeno ce ne accorgiamo”. Chi minimizza: “non ho nulla da nascondere, ricevere pubblicità mirate sulle mie abitudini di utente può darmi fastidio ma non mi inquieta”. Chi prova a tutelarsi: “meglio non pubblicare sui social notizie personali e attivare i dispositivi previsti a protezione della privacy”. Chi sdrammatizza: “più che il Grande Fratello mi preoccupa che a spiarmi sullo smartphone sia mio marito”, scherza una signora. E chi suggerisce soluzioni radicali: “le tecnologie offrono tante opportunità positive ma creano dipendenza, chi non vuole essere schedato deve staccarsi da tutto e cambiare vita”. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, 10mila in corteo contro il decreto sicurezza. In piazza dal Pd ai centri sociali: “Città multicolore, non ci cambierete” 

next
Articolo Successivo

Aborto, Papa: ‘Misericordia per la donna. E serve educazione sessuale nelle scuole. Migranti? Integrare e aiuti a Paesi poveri’

next