Nuove minacce a Paolo Borrometi. Una lettera con minacce di morte indirizzate al giornalista è stata inviata stamattina alla redazione di Tv2000, con la quale Borrometi collabora. A darne notizia un comunicato della stessa emittente. “Picca nai”, c’è scritto con ritagli di giornale: una frase in siciliano che significa “ti manca poco“.

“La missiva è stata subito consegnata agli inquirenti che l’hanno valutata molto seriamente e hanno già avviato le indagini del caso”, si legge in una nota dell’emittente della Cei. “A Paolo, che già da anni vive sotto scorta, va la solidarietà e l’affetto della direzione di Tv2000, del consiglio di amministrazione di Rete Blu e di tutti i dipendenti della emittente – prosegue il comunicato -. Siamo convinti che il modo migliore di rispondere a questa nuova grave e vile intimidazione è continuare ad essergli vicini nel suo lavoro giornalistico di denuncia della mafia e di racconto della realtà positive che la contrastano nei diversi ambiti della società”.

Al giornalista arriva la solidarietà dei parlamentari del Movimento 5 stelle in commissione Antimafia. “Al giornalista Paolo Borrometi, ancora una volta minacciato da vigliacchi che si nascondono dietro lettere anonime, va tutta la nostra vicinanza e un appello: andiamo avanti insieme nella battaglia senza quartiere per affermare ovunque la legalità”. Solidarietà al giornalista Paolo Borrometi, vittima di un’ennesima minaccia di stampo mafioso, a nome di tutto il Gruppo parlamentare. Lo ringraziamo per continuare a raccontare senza paura”, dice Alessia Rotta, vicepresidente vicaria dei deputati del Partito democratico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alla Lavagna, Lega contro Luxuria dopo la lezione tv su gender: ‘Indottrinamento’. M5s: ‘No, atteggiamenti omofobi surreali’

next
Articolo Successivo

Libero, Ordine giornalisti apre pratica sul titolo contro i gay. M5s: “Via i fondi”. Feltri si difende: “Si basa sui fatti”

next