Nuove minacce a Paolo Borrometi. Una lettera con minacce di morte indirizzate al giornalista è stata inviata stamattina alla redazione di Tv2000, con la quale Borrometi collabora. A darne notizia un comunicato della stessa emittente. “Picca nai”, c’è scritto con ritagli di giornale: una frase in siciliano che significa “ti manca poco“.

“La missiva è stata subito consegnata agli inquirenti che l’hanno valutata molto seriamente e hanno già avviato le indagini del caso”, si legge in una nota dell’emittente della Cei. “A Paolo, che già da anni vive sotto scorta, va la solidarietà e l’affetto della direzione di Tv2000, del consiglio di amministrazione di Rete Blu e di tutti i dipendenti della emittente – prosegue il comunicato -. Siamo convinti che il modo migliore di rispondere a questa nuova grave e vile intimidazione è continuare ad essergli vicini nel suo lavoro giornalistico di denuncia della mafia e di racconto della realtà positive che la contrastano nei diversi ambiti della società”.

Al giornalista arriva la solidarietà dei parlamentari del Movimento 5 stelle in commissione Antimafia. “Al giornalista Paolo Borrometi, ancora una volta minacciato da vigliacchi che si nascondono dietro lettere anonime, va tutta la nostra vicinanza e un appello: andiamo avanti insieme nella battaglia senza quartiere per affermare ovunque la legalità”. Solidarietà al giornalista Paolo Borrometi, vittima di un’ennesima minaccia di stampo mafioso, a nome di tutto il Gruppo parlamentare. Lo ringraziamo per continuare a raccontare senza paura”, dice Alessia Rotta, vicepresidente vicaria dei deputati del Partito democratico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alla Lavagna, Lega contro Luxuria dopo la lezione tv su gender: ‘Indottrinamento’. M5s: ‘No, atteggiamenti omofobi surreali’

prev
Articolo Successivo

Libero, Ordine giornalisti apre pratica sul titolo contro i gay. M5s: “Via i fondi”. Feltri si difende: “Si basa sui fatti”

next