Nike ha annunciato ufficialmente le Nike Adapt BB, le nuove scarpe sportive tecnologiche, che secondo la promessa del produttore “prendono vita non appena si indossano”. Le peculiarità che le distinguono dalle comuni scarpe sportive sono molte, a cominciare dal fatto che si allacciano da sole. Poi, che la regolazione dei lacci può avvenire tramite l’app per smartphone, che comunica via Bluetooth.

Il protagonista è l’Electric Adaptable Reaction Lacing, un motore piccolo e leggero inserito nell’intersuola della scarpa. Il suo compito è di agire sull’elettronica di allacciatura per stringere o allentare i lacci, in modo da offrire a chi le indossa la calzata più confortevole possibile. La prima volta che s’indossano, queste scarpe si stringeranno automaticamente in una calzata pre-programmata. Potete intervenire toccando il pulsante di allacciatura e slacciatura per regolarle. Una volta raggiunto il confort desiderato, salvate la vostra impostazione nell’app.

Se poi durante un’attività sportiva intensa aveste la necessità di allentare o stringere i lacci, basta usare l’app, non serve fermarsi a sistemare le stringhe come con le scarpe “normali”. A seconda dello sport che si sta praticando, sono disponibili differenti interventi sull’allacciatura, sulla pressione e sulla calzata della scarpa.

Quello che deve fare chi acquista queste scarpe è quindi scaricare l’app Nike Adapt e connetterla alle calzature. Sarà uno strumento indispensabile anche per personalizzare le luci, definire le proprie preferenze di allacciatura e controllare il livello di carica delle batterie (una per ciascuna scarpa). Non pensate ai vecchi cavetti USB delle comuni scarpe per bambini. In questo caso la ricarica è senza fili: basta appoggiare le scarpe sull’apposito tappetino e osservare le luci che cambiano colore a seconda del livello di carica della batteria. Stando ai dati ufficiali, una carica completa richiede circa 4 ore e le batterie dovrebbero durare tra i 14 e i 20 giorni. Dipende dalla frequenza con cui vengono allacciate e slacciate.

Una curiosità che chiarisce Nike sul sito ufficiale è che se la batteria si scarica mentre indossate le scarpe non avrete problemi a slacciarle manualmente per togliervele.

Quanto alla calzatura vera e propria, la tomaia è realizzata in Flyknit e mesh Quad-Axial, materiali resistenti e traspiranti, ma non impermeabili. Il motore dei lacci è resistente all’acqua e dunque nessun problema se il piede finisce in una pozzanghera o viene a contatto con il sudore durante una partita. Però le scarpe non vanno messe in lavatrice.

Se state progettando di comprarle, sappiate che saranno in vendita da febbraio alla modica cifra di 350 dollari.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sony annuncia la fotocamera a6400 con schermo ribaltabile che registra video in 4K

next