Una bambina di quattro anni è morta durante il naufragio di un gommone di migranti, probabilmente iracheni, nel mar Egeo, nel sud-ovest della Turchia. Altre 46 persone, compresi donne e bambini, sono state soccorse dalla guardia costiera turca, intervenuta per salvare i naufraghi. Non si sa con certezza quante persone fossero a bordo del gommone diretto verso le isole greche, che imbarcava acqua al largo della località costiera di Kusadasi ed è stato intercettato a cinque miglia dalla costa. Le operazioni di ricerca di eventuali altri dispersi proseguono al largo del distretto di Kusadasi, nella provincia di Aydin.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Francia, ministra attacca Di Maio: “Chiudere europarlamento di Strasburgo? Dichiarazione di guerra alla democrazia”

next