“Mi sarei aspettata che il Consiglio chiedesse scusa, dopo la vicenda dei migranti rimasti a bordo delle navi Sea Watch 3 e Sea Eye per settimane. Qual è il vostro prossimo passo, sparare direttamente sui barconi?”. Così Elly Schlein, eurodeputata italiana del gruppo Possibile/S&D, ha criticato il Consiglio Ue, nella sessione plenaria dell’Europarlamento a Strasburgo, unendosi ai numerosi interventi critici nei confronti della mancanza di progressi del Consiglio sulla riforma del sistema di Dublino. Tra gli interventi si sono distinti quelli di alcune eurodeputate, come la stessa Schlein e l’olandese Sophie In’t Veld. “Invece di andare avanti – ha aggiunto l’europarlamentare – sembra di andare indietro: ci sono voluti venti giorni per decidere su 49 persone”. All’Ue “serve una soluzione strutturale e ci sarebbe già, la riforma di Dublino votata dai due terzi di questo Parlamento. Governi, fate il vostro lavoro e approvate questa riforma”, ha concluso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Dl Sicurezza, Luigi de Magistris concede ai richiedenti asilo l’iscrizione all’anagrafe di Napoli. “Così sono garantiti i diritti”

next