Quando installerete il prossimo major update di Windows 10, il pacchetto di aggiornamento del sistema operativo Microsoft che sarà distribuito da aprile 2019, avrete un sistema più stabile ma con 7 GB di spazio in meno a disposizione sul disco fisso.

L’ha annunciato Microsoft, spiegando che se un utente occupa tutto (o quasi) lo spazio di archiviazione disponibile “diverse funzioni e app di Windows diventano instabili”. Per avere un sistema operativo sempre efficiente, abituatevi all’idea di fare un sacrificio. La rinuncia si chiama “reserved storage“, in italiano “archiviazione riservata”, e consiste in una porzione del disco fisso o dell’unità SSD che sarà opzionata dal sistema operativo per essere usata solo da app, aggiornamenti, file temporanei e cache del sistema.

L’aggiornamento, identificabile con il nome in codice 19H1, non prevede alcuna opzione di configurazione. In altri termini, non dovrete (e non potrete) fare nulla: “la funzione sarà introdotta automaticamente sui dispositivi con la versione 1903 preinstallata o sui computer dove la versione 1903 sarà installata in modo pulito”. Microsoft precisa altresì che il valore di 7 GB non è universale e definitivo: “la quantità di spazio riservato varierà nel tempo in base a come usate il vostro dispositivo”, il che significa che la quantità di spazio opzionato dal sistema potrebbe crescere o diminuire. “Regoleremo la dimensione dello spazio riservato in futuro sulla base dei dati diagnostici e del feedback”.

Più nel dettaglio, i fattori che influiranno sulla dimensione dell’archiviazione riservata sono due. Il primo sono le funzionalità opzionali, che quando attive incrementano lo spazio riservato. L’altro elemento saranno le lingue installate. Per controllare se fate uso di funzionalità opzionali dovrete andare nelle Impostazioni, aprire la scheda Installazione Applicazioni, quindi App e Funzionalità. Qui troverete la voce Gestisci Funzionalità Facoltative. Per controllare la dimensione dell’archiviazione riservata invece dovrete visualizzare le Impostazioni di Archiviazione. Attenzione: si potranno fare queste verifiche solo una volta che avrete installato l’aggiornamento di aprile.

Foto: Depositphotos

 

Molti staranno storcendo il naso all’idea di “perdere” 7 GB di spazio. Microsoft mette sul piatto in cambio un “migliore funzionamento quotidiano del vostro PC assicurando che le funzioni critiche del sistema operativo abbiano sempre accesso allo spazio su disco”, in modo che il PC risulti più affidabile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tecnologia per la sicurezza, progetto europeo per l’evacuazione di emergenza dai luoghi affollati

prev
Articolo Successivo

Google smette di produrre il Chromecast audio, ecco l’alternativa migliore

next