Si trova in Svizzera un altro dei condannati per l’agguato di via Fani: si chiama Alvaro Lojacono, esponente delle Brigate rosse e autore di una latitanza avventurosa. È passato dal Nord Africa e dal Sud America: alla fine ha trovato riparo nel Paese elvetico, acquisendone la cittadinanza con il nome di Alvaro Baragiola. Non è dunque estradabile. Un altro membro di spicco delle Br era Leonardo Bertulazzi: latitante per 22 anni, fuggito in Argentina, ha scontato otto mesi. Oggi vive a Buenos Aires. L’ex esponente delle Br Marina Petrella invece fu salvata da Nicolas Sarkozy: l’ex presidente francese ne bloccò l’estradizione per motivi umanitari. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ischia, muore dopo una lite con il compagno. Arrestato 39enne, ma non si esclude il malore

prev
Articolo Successivo

Valsugana, maxitamponamento di 50 auto per il ghiaccio: 16 feriti. Il video dopo l’incidente coi veicoli nella scarpata

next