Si trova in Svizzera un altro dei condannati per l’agguato di via Fani: si chiama Alvaro Lojacono, esponente delle Brigate rosse e autore di una latitanza avventurosa. È passato dal Nord Africa e dal Sud America: alla fine ha trovato riparo nel Paese elvetico, acquisendone la cittadinanza con il nome di Alvaro Baragiola. Non è dunque estradabile. Un altro membro di spicco delle Br era Leonardo Bertulazzi: latitante per 22 anni, fuggito in Argentina, ha scontato otto mesi. Oggi vive a Buenos Aires. L’ex esponente delle Br Marina Petrella invece fu salvata da Nicolas Sarkozy: l’ex presidente francese ne bloccò l’estradizione per motivi umanitari. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ischia, muore dopo una lite con il compagno. Arrestato 39enne, ma non si esclude il malore

next