Grazie alla dottrina Mitterand, la Francia è la meta preferita da diversi protagonisti degli anni di piombo. Ospita Enrico Villimburgo, esponente delle Brigate rosse condannato all’ergastolo nel processo Moro-ter e i delitti  Minervini, Galvaligi, Bachelet. E poi Simonetta Giorgieri, esponente del Comitato rivoluzionario toscano, e Carla Vendetti, indicata come leader delle Br, partito comunista combattente. Entrambe sono state condannate con l’accusa di essere coinvolte nei delitti Marco Biagi e Massimo D’Antona. Sergio Tornaghi, legato alla colonna milanese delle Br ‘Walter Alasia’, Roberta Cappelli, oggi architetto, della colonna romana. Uno dei pochissimi ad essere stato estradato dalla Francia è Paolo Persichetti, che ha militato nelle Br-Unione dei Comunisti Combattenti: fu consegnato nel 2002 alle autorità giudiziarie italiane è stato condannato a 22 anni di carcere per concorso morale nell’omicidio del generale Licio Giorgieri e scarcerato definitivamente nel 2014.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ischia, muore dopo una lite con il compagno. Arrestato 39enne, ma non si esclude il malore

prev
Articolo Successivo

Valsugana, maxitamponamento di 50 auto per il ghiaccio: 16 feriti. Il video dopo l’incidente coi veicoli nella scarpata

next