“Penso che mio padre, Sabatini e Campagna possano finalmente riposare in pace”. Lo ha detto Alberto Torregiani, figlio di Pierluigi (ucciso dai Proletari armati per il comunismo nel ’79), arrivando alla scuola politica della Lega, sull’arresto di Cesare Battisti avvenuto a Santa Cruz, in Bolivia. “La ferita non è ancora chiusa, sarà chiusa quando sarà determinata la carcerazione. Voglio esprimere la mia gratitudine alle forze dell’ordine e non a qualche politico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Battisti, Vauro: “Fantasma che viene da anni orribili. La firma per lui nel 2004? Non la ritirai per colpevole superficialità”

next
Articolo Successivo

Pisa, liquido contro venditore senegalese. La dinamica è ancora da accertare. Polemica politica sul “clima d’odio”

next