“La madre della Taverna deve lasciare la casa popolare a Roma perché non ne ha diritto. Non conosco la graduatoria del Comune, ma se tua figlia é parlamentare e tu hai altre fonti di sostentamento la devi lasciare. Accanimento, come dice Taverna? E’ legalità, solidarietà al Comune che dovrà eseguire lo sfratto…”. Così Matteo Renzi in diretta Facebook sulla vicenda della casa popolare della madre della vicepresidente M5S del Senato Paola Taverna. “Facciamo un patto: se voi smettete di dire bugie su di noi, noi smettiamo di dire la verità su di voi”, scherza Matteo Renzi rivolto al M5S. “Una citazione della politica Usa di qualche tempo fa, dice il senatore. In realtà la frase é del finanziere Gordon Gekko interpretato da Michael Douglas nel film ‘Wall Street’. “Quel che combinate é fuori da ogni previsione, rendete ridicolo il Paese con giustizialismo giorni alterni e cialtronaggine in campo economico”, dice l’ex premier rivolto ai cinquestelle, spiegando ad alcuni sostenitori che commentano in tempo reale che la sua offerta di tregua é paradossale e non reale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conte: “Slittamento provvedimenti? Sono complessi”. E annuncia: “Con quota 100 in Eni 3 assunti ogni uscita”

prev
Articolo Successivo

Pd, Zingaretti: “Simbolo non è un dogma. Alle Europee lista aperta”. Calenda: “Così mi candido”. E Richetti: “Innovare forma”

next