“Tutela dell’ambiente e salvaguardia della salute”. Sono queste le istanze prioritarie per le circa 300 famiglie che vivono ai confini della zona rossa dell’area di cantiere sotto a quel che resta del Ponte Morandi, e oggi si sono date appuntamento per manifestare sotto la sede del Comune di Genova, per chiedere un incontro con il commissario straordinario e sindaco Marco Bucci e poi sfilare in corteo sotto la Prefettura e il palazzo della Regione Liguria.

Gilet arancioni “come la zona in cui ci troviamo”, dimenticati dal ‘Decreto Genova’, gli abitanti che dovranno convivere per almeno un anno con le polveri, i rumori e i movimenti dei cantieri. Chiedono garanzie sul loro futuro e sulla possibilità di partecipare attivamente con osservazioni e conoscenza della tabella di marcia dei lavori: “Al momento non sappiamo nulla – spiegano dal comitato – ci hanno garantito si aprirà un tavolo per tenerci costantemente aggiornati, sono ancora promesse… siamo ottimisti, ma aspettiamo i fatti”. Tra i manifestanti in molti rivendicano anche il diritto ad avere quanto meno un indennizzo, come previsto in casi analoghi di lavori pubblici così impattanti ma per ora non garantito.

“Abbiano ottenuto qualcosa e siamo contenti: saranno installate a breve delle centraline per il monitoraggio di aria e per l’acustica in modo da avere sotto controllo la situazione”, ha detto Fabrizio Bellotti, presidente del comitato abitanti confini zona rossa, al termine dell’incontro con Marco Bucci. “Con il commissario – ha aggiunto Belotti – faremo incontri periodici, il primo dovrebbe essere il 22. Inoltre sono stati definiti due osservatori, uno su ambiente e uno sulla riqualificazione, e noi saremo presenti come delegazione per portare proposte e per ascoltare”. Anche il Prefetto si è preso carico delle nostre istanze e le porterà al governo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, saluti romani a Centocelle al corteo in ricordo di Alberto Giaquinto. La protesta dell’Anpi: “Inquietante”

prev
Articolo Successivo

Viadotto Acqualonga, assolto l’ad Autostrade Castellucci. Esplode la rabbia dei parenti: “Assassino”

next