Quando si decide di acquistare una casa ci si pone spesso un interrogativo ricorrente: è conveniente optare per un immobile da ristrutturare? Un’analisi di Immobiliare.it sul mercato italiano ha rivelato che nelle grandi città acquistare un immobile da ristrutturare permette di risparmiare fino al 26%.

A Trento gli affari migliori

Se a livello nazionale la riduzione del prezzo al metro quadro, rispetto alla media di mercato, è pari al 20%, nelle singole città la situazione varia molto. Nei centri più grandi la differenza di prezzo tra un appartamento da ristrutturare e la media si abbassa, soprattutto per via di una maggiore domanda e quindi di un più elevato costo del mattone. Ma non mancano le eccezioni: a Trento il risparmio arriva fino al 26%, a Genova si tocca quota 21%.

Gli altri principali capoluoghi si attestano sotto la media nazionale: Torino (17%), Bologna (16%), Bari (15%), Palermo (14%) e Napoli (13%). Risparmio ancora inferiore a Milano, Roma e Firenze, dove le percentuali si fermano rispettivamente a 10%, 9% e 6%.

Quanto costano i lavori di ristrutturazione?

 L’Osservatorio di ProntoPro, il portale che aiuta nella ricerca di professionisti, ha preso in considerazione un bilocale di 70 mq che richiede importanti interventi (demolizione e costruzione di tramezzi, pavimenti e rivestimenti, opere da imbianchino o da idraulico, riammodernamento dell’impianto elettrico, ecc.): per questo tipo di immobile la spesa media a livello nazionale è di 31 mila euro. Anche in questo caso le differenze fra le dieci città esaminate sono notevoli: contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, ben cinque si posizionano al di sotto della media: Roma (29 mila), Torino (27 mila), Palermo (26 mila), Napoli (25 mila) e Genova (24 mila). Se Bari rispecchia perfettamente il quadro italiano, le altre quattro segnano la tendenza opposta: Milano vince lo scettro di più cara (38 mila), seguita da Trento (35 mila), Bologna (34 mila) e Firenze (32 mila).

Vantaggi non solo economici

 A chi abita nel capoluogo lombardo non conviene quindi acquistare un immobile da ristrutturare? Non è sempre vero, perché i vantaggi non sono solo economici. Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it, ha spiegato che gli interventi di ristrutturazione consentono di «avere una casa che sia funzionale alle proprie esigenze e di classe energetica fino a due volte superiore rispetto al momento dell’acquisto; il secondo è la possibilità, a fronte di un investimento, di aver un rendimento maggiore e più sicuro offrendo l’immobile riqualificato in locazione». Infine, non dimentichiamo che anche per il 2019 sono previste detrazioni fiscali per il riammodernamento: 50% in dieci anni per una spesa massima di 96 mila euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Residenziale: compravendite in aumento del 5,6% nel 2018

next
Articolo Successivo

Milano: mercato degli uffici in pieno fermento

next