Era l’8 marzo del 2017. Intervenendo in aula alla Camera l’allora deputato Luigi Di Maio attaccava Paolo Gentiloni e il suo governo, colpevole secondo l’attuale vicepremier M5S di avere, con il decreto del dicembre 2016, “trasferito miliardi di euro alle banche come primo atto del nuovo esecutivo: “dopo che per anni ci avete detto che non c’erano fondi per il reddito di cittadinanza, per le forze dell’ordine, per le imprese e per i disabili ha cacciato fuori dal cilindro 20 miliardi”. In un altro passaggio dell’intervento Di Maio spiega anche che nel “nuovo rinascimento del paese ci sarà una maggioranza che non avrà bisogno di finanziare le banche”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum propositivo e abrogativo, relatrice M5s in favore di emendamento Pd: “Quorum al 25%”

prev
Articolo Successivo

Carige, Giorgetti: “Nazionalizzazione della banca? È un’opzione concreta, lo vedremo tra qualche mese”

next