Era l’8 marzo del 2017. Intervenendo in aula alla Camera l’allora deputato Luigi Di Maio attaccava Paolo Gentiloni e il suo governo, colpevole secondo l’attuale vicepremier M5S di avere, con il decreto del dicembre 2016, “trasferito miliardi di euro alle banche come primo atto del nuovo esecutivo: “dopo che per anni ci avete detto che non c’erano fondi per il reddito di cittadinanza, per le forze dell’ordine, per le imprese e per i disabili ha cacciato fuori dal cilindro 20 miliardi”. In un altro passaggio dell’intervento Di Maio spiega anche che nel “nuovo rinascimento del paese ci sarà una maggioranza che non avrà bisogno di finanziare le banche”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum propositivo e abrogativo, relatrice M5s in favore di emendamento Pd: “Quorum al 25%”

next
Articolo Successivo

Carige, Giorgetti: “Nazionalizzazione della banca? È un’opzione concreta, lo vedremo tra qualche mese”

next