La tecnologia italiana incassa l’importante premio CES Innovation Awards 2019 con MatiPAY, un innovativo sistema di pagamento che semplifica i pagamenti ai distributori automatici grazie alla connessione con un’app per smartphone. Prodotto dalla divisione IoT dell’azienda pugliese SITAEL, MatiPAY sfrutta un portafoglio virtuale ricaricabile, la carta di credito o PayPal.

A tutti capita di acquistare bevande o snack ai distributori automatici, negli uffici o nei luoghi pubblici. Ci vogliono monete, banconote di piccolo taglio o una chiavetta compatibile. MatiPAY consente di pagare avvicinando lo smartphone a un pannello elettronico.

https://www.youtube.com/watch?v=jMkYEdyACJM&feature=youtu.be

Il modulo può essere integrato in distributori automatici nuovi ed esistenti in una manciata di minuti. È già in fase di installazione su oltre 40.000 distributori. Oltre che per i pagamenti, l’app per smartphone permette di ricaricare il credito in molteplici modi. Si può usare il contante, servendosi della gettoniera onnipresente nei distributori automatici, oppure si può legare l’app alla propria carta di credito o al proprio account Paypal.

L’app non serve solo per pagare: chi dà il consenso può condividere le proprie preferenze e beneficiare di promozioni personalizzate nel corso del tempo. L’idea è molto interessante, e in prospettiva può rivoluzionare non solo i distributori di bevande e snack, ma anche le macchinette per l’acquisto di biglietti per il trasporto pubblico, per esempio. Da qui il premio Innovation Award ricevuto al Consumer Electronic Show in corso da ieri a Las Vegas.

Per Sitael è il secondo riconoscimento al CES: l’anno scorso l’azienda era stata premiata per la sua bici elettrica smart.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nubia Red Magic Mars in vetta alla classifica dei più potenti smartphone Android

prev
Articolo Successivo

Lenovo rinuncia alla fibra di carbonio per il ThinkPad X1 Yoga, adesso è in lega alluminio

next