È morto in Siria per circostanze ancora da chiarire Giovanni Francesco Asperti, cittadino italiano che si era trasferito nella regione di Rojava per combattere lo Stato Islamico al fianco delle milizie curde dell’Unità di protezione popolare (Ypg). La notizia, diffusa inizialmente dallo stesso sito delle Ypg, è stata confermata dalla Farnesina. Il consolato a Erbil sta seguendo il caso ed è in contatto con i familiari.

Asperti, 50enne di origini bergamasche, in battaglia veniva chiamato Hiwa Bosco. Secondo quanto riferito dalle milizie curde il combattente è morto da ‘martire’, vittima di uno “sfortunato incidente mentre era in servizio a Derik”, nel governatorato nord-orientale siriano di Al Hasakah, avvenuto lo scorso 7 dicembre.

“Durante tutta la sua partecipazione alla lotta contro l’Isis nel Kurdistan siriano e nel nord della Siria, Hiwa Bosco è stato un esempio di vero rivoluzionario e ha sempre agito sulla base di questi valori fino all’ultimo momento della sua vita”, si legge sempre sul sito delle Ypg.

Nello stesso comunicato i miliziani danno anche notizia di un altro combattente, chiamato Baqir Nahsan, originario di Konani, ucciso il 5 gennaio scorso a Deir-ez-Zor. “Le nostre forze continuano le operazioni contro lo Stato islamico nella città di Hajin e in prossimità della valle dell’Eufrate”, conclude la nota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, prende a pugni un gendarme alla manifestazione dei gilet gialli. Si costituisce l’ex campione di boxe

next
Articolo Successivo

Gilet gialli, linea dura del governo francese: “Schedatura e sanzioni per chi va a manifestazioni non organizzate”

next