È morto Jamal al-Badawi, leader di al Qaeda e mente dell’attentato suicida che nell’ottobre del 2000, in Yemen, colpì la nave militare americana Uss Cole, provocando 19 morti e 39 feriti. A darne notizia ufficiale è il presidente degli Stati Uniti Donald Trump attraverso un tweet. Venerdì scorso l’esercito aveva fatto sapere che il militante di al-Qaeda fosse stato ucciso in un raid di precisione in Yemen.

“Il nostro grande esercito – scrive il presidente – ha fatto giustizia per gli eroi caduti e feriti nell’attacco vigliacco contro la Uss Cole. Abbiamo appena ucciso il leader di quell’attacco, Jamal al-Badawi”. “Il nostro lavoro – prosegue- contro al Qaeda continua e non ci fermeremo mai nella nostra lotta contro il terrorismo islamico radicale“.

L’attentato alla Uss Cole fu portato a termine con una piccola imbarcazione imbottita di esplosivo che provocò un enorme squarcio sul lato della nave Usa. L’altro terrorista che pianificò l’attacco, il saudita Abd al-Nashiri, è da tempo prigioniero a Guantanamo e rischia la pena di morte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonella Napoli, la giornalista fermata e rilasciata in Sudan: “Cancellati miei video, ma si parli delle violenze di Al Bashir”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Israele, il rischio del processo non indebolisce Netanyahu: il suo Likud guida i sondaggi e l’opposizione si sbriciola

next