Solo italiani referenziati“, “si affitta a italiani”, “no stranieri”. Parma, Roma, Cesena, Pisa. Nell’ultimo anno sono stati diversi i casi denunciati, in Italia, di proprietari di casa che hanno messo nero su bianco il proprio rifiuto di accettare inquilini stranieri. In un rapido giro sul web, abbiamo trovato questi due, nella Capitale (di nuovo) e a Paderno (Udine).

 

Per la verifica abbiamo scelto Milano, che peraltro si è da poco aggiudicata il primo posto nella classifica sulla qualità della vita elaborata dal Sole24Ore. Ci siamo rivolti a Tay Vines, noto youtuber (sul suo canale ha quasi 300mila iscritti, mentre su Facebook è seguito da più di mezzo milione di persone) che viene dal Togo, vive a Lecco da otto anni e che per sé sogna un futuro in Italia con una carriera da attore comico.

Come Tay, la maggioranza degli stranieri nel nostro Paese vive in affitto (64,7%). Il dipartimento di Economia e statistica della Banca d’Italia, tuttavia, ha denunciato la difficoltà degli agenti immobiliari nell’affittare un’abitazione alle famiglie straniere a causa dei timori dei proprietari di casa. Nonostante la richiesta, sopratutto nel capoluogo lombardo, sia in continua crescita (+3,1%) e sia destinata ad aumentare, come rilevato da Immobiliare.it e Sunia, il sindacato degli inquilini (i canoni per monolocali, bilocali e trilocali sono cresciuti rispettivamente del 2,7%, +2,5% e +2,6%: Idealista 2018).

In una prima fase abbiamo telefonato ai privati che pubblicano decine di annunci al giorno sui portali di affitti. Qui, dall’altra parte della cornetta, abbiamo trovato ritrosia e scetticismo. Una persona è arrivata a chiedere il permesso di soggiorno al nostro “complice”. Si tratta, questo, di un compito che spetta all’autorità competente (a un extracomunitario privo di cittadinanza italiana si deve chiedere il passaporto). Nel caso quest’ultimo sia irregolare, dice la legge, l’eventuale contratto stipulato risulterà valido e il proprietario non subirà alcuna conseguenza né di carattere penale né di carattere civile. In caso di morosità, ovviamente, si apre tutto un altro capitolo con la normale procedura di sfratto.
Nella seconda fase siamo andati nelle agenzie immobiliari con una telecamera nascosta. Il risultato, tra numerosi “no”, discriminazioni e abitazioni già occupate (ma che poi non si sono rivelate tali) è nel video.

Twitter: @albmarzocchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, da 11 giorni senza un porto e con 49 persone a bordo. Sea-Watch: “Mare mosso, è l’odissea di Capodanno”

next
Articolo Successivo

Abolire i campi rom significa alimentare il lavoro coatto. Più o meno come i centri per l’impiego

next