Se avete mai parlato in pubblico sapete che interessare e coinvolgere chi ascolta non è facile e non è sufficiente avere argomenti interessanti e saperli spiegare con chiarezza. Le componenti “paraverbali” di un discorso, ovvero ritmo, tono, pause ed enfasi della voce -nonché la condizione emotiva dell’oratore – incidono moltissimo sulla capacità di essere comunicativi. Per questo in Italia è stata avviata una ricerca scientifica sul tema, con l’obiettivo di sviluppare una Web App – un’applicazione online – che valuti le aree in cui è possibile migliorare la propria comunicazione orale.  E chi “dona” la propria voce al progetto riceverà un buono Amazon.

Il progetto, indirizzato a tutti coloro che usano la voce come strumento di lavoro, è stato avviato da Interago Academy, società di formazione specializzata in psicologia relazionale e PR.O.VOICE, equipe torinese composta da foniatri, logopedisti e ingegneri acustici ed elettronici, tutti docenti o ricercatori del Politecnico di Torino e dell’Università di Torino.

L’obiettivo della ricerca è sviluppare uno strumento digitale avanzato in grado di esaminare registrazioni vocali al fine di individuare quali elementi della comunicazione paraverbale danneggiano la comunicazione e suggerire quindi training vocali e seminari ad hoc per migliorarla.

Attualmente l’intero team è al lavoro sulla fase preliminare della ricerca, ovvero l’ascolto e l’analisi di centinaia di registrazioni vocali, al fine di ottenere quanti più risultati possibili. Per portare a termine l’innovativo progetto è stata dunque indetta una “campagna di reclutamento voci”.

Affinché l’intelligenza artificiale sia in grado di individuare gli elementi della comunicazione paraverbale con un adeguato livello di affidabilità, è necessario infatti “addestrare” le sue capacità tramite un vastissimo database di esempi da analizzare. Chi fosse interessato a partecipare potrà cliccare su questo indirizzo ed effettuare la propria registrazione vocale per avere accesso gratuitamente, alla WebApp, una volta pronta. Come ringraziamento per il proprio contributo alla ricerca il team offre un buono sconto spendibile su Amazon.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Esport: i 10 titoli che hanno distribuito i montepremi più alti nel 2018, dagli storici CSGO e Dota2 alla new entry Fortnite

prev
Articolo Successivo

GRIS, il titolo di Nomada Studio è un platform atipico che fa riflettere sul “male di vivere” – la nostra prova

next