Esistono i grandi uomini e poi esistono i grandi campioni. Succede di rado che un grande uomo sia anche un grande campione. In questo speciale albo d’oro, in cui talento naturale e senso civile si coniugano e si completano, c’è il nome di Kalidou Koulibaly, insuperabile sia a calciare il pallone che a spingere il pensiero oltre la cortina fumogena del tifo. Koulibaly è di pelle nera, è senegalese e gioca nel Napoli. Tre condizioni perfette perché venisse omaggiato dei buu razzisti dei tifosi che occupano gli spalti. E’ successo ieri a Milano, nella gara che ha visto l’Inter superare il Napoli, e succede sempre. I tifosi razzisti sono naturalmente razzisti anche nelle altre ore del giorno, durante tutti i giorni della settimana, e sono più numerosi di quel che pensiamo. Solo che allo stadio hanno la possibilità di illustrare con i loro cori animaleschi la loro cifra civile. Ieri ne hanno data la consueta ampia prova. Il campione sportivo ha risposto loro da campione civile: “Fiero del colore della mia pelle. Orgoglioso di essere francese, senegalese, napoletano: uomo”.
Abbiamo bisogno di Koulibaly anche in Parlamento!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Istantanea – Nel cerchio di fuoco delle lobby

prev
Articolo Successivo

Luca e Paolo i nuovi epurati? Da ridere. Se Freccero alza il calice di Luttazzi, ma sotto il tappeto nasconde Sangiuliano

next