Accende le lucine di Natale sul balconcino che si affaccia ‘e ncopp’ e quartiere del centro storico, attacca il microfono all’amplificatore e la sua voce da neomelodico inonda il vicolame. Il repertorio è vasto, da Reginella a O sole mio. E ovviamente in tema natalizio, non può mancare Tu scendi dalle stelle. Si fermano e alzano la testa passanti e stranieri. Poi il tizio dal do di petto perforante cala il paniere e la gente mette qualche spicciolo. L’improvvisato cantante, il clone di Nino D’Angelo, fa sapere che sono graditi anche generi alimentari: un paio di pomodori, una manciata di frutta secca.

Passa di lì Gianni Perrelli, firma storica dell’Espresso, l’ultimo degli inviati speciali di categoria, e chiede perché non scende a cantare per strada. La risposta è da antologia della commedia umana, uno spaccato dell’arte dell’arrangiarsi: “Signo’, chillu sta agli arresti domiciliari… tene pure o’ braccialetto, si jesce fore suona…”. E allora, affacciato sul rione, se la canta e se la suona. Prima di lui anche Topolino, la posteggia: si era messo a cantare a squarciagola, tra le proteste dei vicini. Pensa te che succede…

Comunque, buon Natale ai ricchi di spirito e ai poveri in canna, agli ingordi (trattenetevi con i grassi), a noi del Fatto e sopratutto a chi ci legge, le persone più importanti e decisive per chi fa questo lavoro.

Instagram januaria_piromallo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Natale, i miei figli hanno troppi regali. E io provo disagio

prev
Articolo Successivo

Gigi Taranto, il poeta che non ho mai conosciuto

next