Accende le lucine di Natale sul balconcino che si affaccia ‘e ncopp’ e quartiere del centro storico, attacca il microfono all’amplificatore e la sua voce da neomelodico inonda il vicolame. Il repertorio è vasto, da Reginella a O sole mio. E ovviamente in tema natalizio, non può mancare Tu scendi dalle stelle. Si fermano e alzano la testa passanti e stranieri. Poi il tizio dal do di petto perforante cala il paniere e la gente mette qualche spicciolo. L’improvvisato cantante, il clone di Nino D’Angelo, fa sapere che sono graditi anche generi alimentari: un paio di pomodori, una manciata di frutta secca.

Passa di lì Gianni Perrelli, firma storica dell’Espresso, l’ultimo degli inviati speciali di categoria, e chiede perché non scende a cantare per strada. La risposta è da antologia della commedia umana, uno spaccato dell’arte dell’arrangiarsi: “Signo’, chillu sta agli arresti domiciliari… tene pure o’ braccialetto, si jesce fore suona…”. E allora, affacciato sul rione, se la canta e se la suona. Prima di lui anche Topolino, la posteggia: si era messo a cantare a squarciagola, tra le proteste dei vicini. Pensa te che succede…

Comunque, buon Natale ai ricchi di spirito e ai poveri in canna, agli ingordi (trattenetevi con i grassi), a noi del Fatto e sopratutto a chi ci legge, le persone più importanti e decisive per chi fa questo lavoro.

Instagram januaria_piromallo

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Natale, i miei figli hanno troppi regali. E io provo disagio

next
Articolo Successivo

Gigi Taranto, il poeta che non ho mai conosciuto

next