Un bambino di 5 anni è morto e un altro è ricoverato in ospedale in gravi condizioni dopo essere stati sottoposti ad una circoncisione rituale in casa. È successo domenica mattina a Monterotondo, vicino Roma. Secondo una prima ricostruzione della polizia, a praticare l’operazione è stato un sedicente medico nigeriano che ha eseguito l’operazione in casa ai due fratelli figli di suoi connazionali: durante la pratica i piccoli hanno perso molto sangue e, quando le loro condizioni sono apparse gravi, i genitori hanno dato l’allarme chiamando il 118. Per uno dei due bambini però non c’è stato nulla da fare: è morto durante il trasporto in ospedale.

Sulla vicenda la Procura di Tivoli ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di omicidio e lesioni gravissime. Da accertare al momento la natura dolosa o colposa dell’omicidio del bimbo di 5 anni. Al momento non sono state decise misure restrittive ma al vaglio degli inquirenti c’è la posizione del sedicente medico che avrebbe eseguito la pratica sui due bambini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mamma suicida nel Tevere, in quel gesto tutta l’indifferenza della società per le donne

next
Articolo Successivo

Migranti, Sea Watch e Open Arms in emergenza: 333 persone resteranno in mare fino a dopo Natale

next