“Mio padre ha fatto di tutto per non farsi stimare. Oggi è morto, ma non provo niente. Se una bambina di undici anni decide che il padre non lo vuole vedere più, un motivo ci sarà stato…”. A ‘Belve’, in onda venerdì 21 dicembre alle 22,45 su NOVE, Giorgia Meloni rivela a Francesca Fagnani la rottura drammatica col papà. “Lei del suo genitore ha detto: ‘Faccio fatica a dire che sia una brava persona, una persona di cui ho stima’. Parole dure, giustificate da cosa, se posso chiederglielo?”, domanda la giornalista. “Mettiamola così – risponde l’ex ministro della Gioventù -, mio padre ha fatto di tutto per non farsi stimare da me, prima ancora che per non farsi volere bene. Non mi va di entrare nel merito e di raccontarlo, ma se una bambina – precisa – di undici anni decide che non lo vuole vedere più, io così ho deciso – ribadisce – e così ho fatto, insomma qualcosa deve aver fatto”. “Non lo vede da allora, non lo sente da allora?”, domanda la conduttrice. “Ora è morto – dice Giorgia Meloni -. Non l’ho mai più visto e non l’ho mai più voluto vedere. Mi è dispiaciuto, perché oggi non riesco a provare niente per lui. Non è che non provo amore e provo odio, io non provo neanche odio. Se lei mi parla di mio padre è come se mi parlasse di un personaggio della televisione … So che c’è, ma … E questo vuol dire che bene o male hai scavato un bel buco, no? Nell’inconscio di una bambina – continua – e questa è una cosa che mi fa arrabbiare perché vorrei almeno poterlo odiare. Invece – conclude – non ci riesco, non provo niente”.
‘Belve’, condotto e ideato da Francesca Fagnani, va in onda su NOVE (Gruppo Discovery) tutti i venerdì alle 22,45 ed è realizzato da Loft Produzioni. Le puntate si possono rivedere su Dplay e su www.iloft.it.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belve (Nove), Giorgia Meloni: “Alessandra Mussolini? Non la stimo, è cattiva. Lo è con tutte le donne”

prev
Articolo Successivo

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che il caso di Vittorio Di Battista viene censurato?

next