Anche voi cominciate a tirare fuori le luci colorate dagli scatoloni in cantina già a novembre? In casa vostra l’albero rimane parte integrante dell’arredamento fino a febbraio? Da adesso la vostra sfrenata passione per gli addobbi natalizi non dovrà più essere fonte di imbarazzo. Come rivelato da un sondaggio di Immobiliare.it, un italiano su tre prepara la propria abitazione all’arrivo di Babbo Natale già un mese prima delle Feste.

Natale, una festa ancora legata alla tradizione?

I tempi sono cambiati e con essi anche l’approccio delle famiglie al periodo natalizio: basti pensare a quanti decidono di trascorrere al ristorante la cena della Vigilia o il pranzo del 25. Per quanto riguarda la casa gli italiani rimangono invece più legati alle tradizioni: su un campione di oltre 2.000 persone intervistate, il 57% ha dichiarato infatti di attendere l’8 dicembre per tirare fuori le decorazioni dagli scatoloni. Il 70% ha poi affermato di utilizzare addobbi acquistati nei classici mercatini o in località di vacanza; il 17% ricorre al fai da te e solo il 13% sceglie moderni elementi di design. Il momento di allestire l’albero rimane un’esperienza da condividere con l’intera famiglia, come ha confermato il 44% degli intervistati.

Albero vs presepe

Nel classico derby natalizio c’è un vincitore assoluto: l’albero, immancabile per il 73% degli intervistati, mentre il 15% non rinuncerebbe mai al presepe. La parte della casa che riceve maggiori attenzioni è la zona living, sulla quale si concentrano gli sforzi del 76% degli intervistati. C’è però anche un buon numero di italiani (uno su cinque, per l’esattezza) che non rinuncia alle decorazioni anche negli altri ambienti della casa, bagno incluso.

L’Epifania tutte le feste si porta via

Il vecchio detto popolare si adatta perfettamente anche agli addobbi natalizi: il 57% degli italiani non aspetta oltre la Befana per riportare in cantina gli scatoloni. Quasi uno su tre dichiara di farlo solo quando ha tempo, ma comunque entro la fine di gennaio. C’è, infine, anche chi lo fa solo a febbraio: si tratta in questo caso di una percentuale molto inferiore, solo l’8% degli intervistati.

Una casa sotto l’albero

Le abitazioni sono le protagoniste dei sogni degli italiani, che a Babbo Natale vorrebbero chiedere una casa nuova (il 58%) o almeno una stanza in più (30%). Il 28% degli intervistati preferirebbe ricevere uno spazio esterno, mentre un italiano su quattro si dichiara soddisfatto della propria dimora.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Istat: mutui e compravendite in crescita nel secondo trimestre

prev
Articolo Successivo

Centri commerciali: il futuro è l’intrattenimento

next