“Il sottosegretario Giancarlo Giorgetti dice che il reddito di cittadinanza “piace all’Italia che a noi non piace”? Io lo trovo perfettamente in linea con quello che la Lega è sempre stata. Giorgetti è soltanto un po’ più sincero di Salvini. La Lega è così ed è sempre stata così”. Sono le parole dello scrittore e giornalista Pino Aprile, intervistato a “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus.
“Ora la Lega sta cercando maldestramente di camuffare la sua posizione, a volte un vero odio, sul Sud” – continua – “perché ha bisogno di quella parte di Sud disposta a passare sopra agli insulti e ai furti fatti al Sud per mano della Lega e di altri partiti del Nord, come lo stesso Pd. Cioè, c’è un partito del Nord contro il Sud, perché in Italia la politica è geografia, non è ideologia. M5s difende gli interessi del Sud? No. C’è sicuramente una parte del M5s, che difende e sta difendendo il Sud, cercando anche di farlo bene. All’interno dei 5 Stelle ci sono delle forze, persino alcune non meridionali, che si battono per l’equità”.
E aggiunge: “Non dimentichiamo, però, che al Nord il M5s ha fatto i referendum per l’autonomia regionale differenziata, di cui agli italiani è stato detto poco o praticamente niente. L’autonomia regionale differenziata comporta un cambiamento della Costituzione, in cui si dice che chi è ricco ha più diritti e privilegi e i poveri hanno meno diritti. Di Maio? Negli ultimi due mesi, a giudicare da quello che sta facendo il M5s, si è reso conto che nel firmare quel contratto aveva fatto passare l’autonomia differenziata come se fosse normale. Il reddito di cittadinanza è identificato come un regalo al Sud, un altro degli effetti ottici su cui gioca la Lega”.

Aprile rincara: “La Lega sta facendo un gioco da venditore di pentole fallate alla sagra della porchetta. I diritti differenziati stavano nel Sud Africa dell’Apartheid. Solo negli ultimi mesi il M5s, per la rivolta furente che c’è stata di artisti, di docenti, scrittori e giornalisti, si è reso conto di questo. Il reddito di cittadinanza esiste ovunque, persino in Grecia, solo l’Italia non ce l’ha. Per la Lega il Nord assiste il Sud e il reddito di cittadinanza è per il Sud. In realtà, al Nord ci sono quattro regioni assistite: il Friuli, la Liguria, il Trentino Alto Adige e la Val D’Aosta, che ricevono molto più di quel che danno”.

Aprile poi analizza la situazione in Europa: “Germania e la Francia cercano di salvare se stesse, fanno carta straccia delle regole dell’Europa, ma con ferocia ne pretendono il rispetto dai deboli: Grecia e Italia. E’ un rapporto squilibrato tra chi può e non può, tra chi ha e non ha. Questo governo gialloverde non ha la forza di cambiare l’Ue, lo ha dimostrato l’esito di questa vergognosa trattativa”.
E chiosa: “Moscovici dice che il 2,4% dell’Italia non va bene e poi viene concesso il 3,5% alla Francia. Moscovici è un signor nessuno, andrebbe ricusato, rappresenta solo la sua parte francese e usa l’Europa come fa la Germania. Come se ne esce? Con la politica, che però non c’è. Quando la Grecia è stata sbranata, l’Italia, la Spagna e il Portogallo doveva far blocco con la Grecia per far vedere che il debole non è solo. E invece qualcuno si è tirato indietro, altri, come Renzi, prima hanno detto che stavano con la Grecia e poi hanno sostenuto la Germania. E’ l’assenza della politica a generare queste ingiustizie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caro elettore di sinistra che hai votato M5s, ora sei deluso ma non è stato un errore

prev
Articolo Successivo

Di Battista, Il Giornale: “Debiti della srl di famiglia”. Lui: “Azienda in crisi. Tra i dipendenti non pagati anche mia sorella”

next