Per gli esperti della lettura delle labbra interpellati da Channel 5 News non ci sono dubbi: lo scambio tra Theresa MayJean Claude Juncker è una lite, con la premier inglese che chiede al presidente della Commissione europea “come mi hai chiamata? Mi hai definiti ‘fumosa’”. “No, non l’ho mai fatto” sarebbe la risposta di Juncker. Il politico lussemburghese, nel pomeriggio, ha smentito la ricostruzione: “Pensava l’avessi criticata, ma le ho spiegato che la parola ‘nebulosa’ era riferita allo stato del dibattito nel Regno Unito. Ho seguito la discussione ai Comuni e non so a cosa puntino, per questo dicevo nebuloso, nebbioso. Dopo aver controllato quello che ho detto, mi ha baciato”.

Video European Council

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gilet gialli al bivio dopo le promesse di Macron, i militanti: “Niente leader né partiti, così non ci dividiamo”

next
Articolo Successivo

Gilet gialli, 5° sabato di proteste a Parigi: meno manifestanti, tensioni sugli Champs-Élysées. In strada anche le Marianne

next