I social network hanno cambiato la nostra vita, è un fatto indiscutibile. Meno evidente ai più è il fatto che gli stessi hanno cambiato anche la nostra mente, il nostro approccio alla realtà fisica e alla nostra stessa sfera privata. Questo è accaduto e accade prevalentemente a causa di tre fattori fondamentali:
1. l’incomprensibilità della platea potenziale;
2. la superficialità nella pubblicazione dei post;
3. il narcisismo.

Il primo fattore rappresenta qualcosa di incommensurabile per la nostra mente, proprio come ci è impossibile concepire l’universo con i suoi miliardi e miliardi di stelle. Questo accade perché siamo esseri finiti, che vivono un’esistenza limitata e che nel corso della vita hanno rapporti con un numero esiguo di persone, rapportato alla popolazione mondiale. Così come con le stelle, non riusciamo proprio a concepire che pubblicando qualcosa in Rete il pubblico potenziale del nostro atto è di miliardi di persone.

Questo ci porta direttamente al secondo punto: pubblichiamo qualunque tipo di informazione che ci riguarda, cosa facciamo, dove siamo, cosa mangiamo, con chi ci siamo fidanzati. Esponiamo immagini nostre e della nostra famiglia, dei nostri amici e conoscenti, di gattini e cagnolini, fino ad arrivare al colmo di vedere esposte al pubblico ecografie di esseri umani ancora di là da venire al mondo, ma già esposti a miliardi di occhi sconosciuti. Un comportamento così tanto irrazionale racchiude gli ovvi rischi impliciti di una sterminata platea potenziale. Dal ladro che sa quando non sarete a casa, all’improbabile pedofilo che potrebbe scambiare le foto dei vostri figli a livello planetario, fino a immaginare uno Stato di polizia che sa tutto di voi a priori semplicemente perché voi stessi spiattellate ogni minuto informazioni privatissime che vi riguardano.

Allora, ecco il terzo punto: agiamo in maniera tanto inconsulta perché a spingerci è una forza irrefrenabile che dall’alba dell’uomo si manifesta nella nostra evoluzione come un virus: il narcisismo. Un sentimento, appunto, sempre esistito, ma che oggi i social amplificano a dismisura, complici anche i modelli culturali degli influencer che tutti – specialmente i più giovani – si affannano a rincorrere. Una pressione mediatica potente e costante il cui inizio contemporaneo può essere individuato nel Grande Fratello televisivo, seguito da tutti i suoi cloni.

Apparire è diventato sinonimo di esistere. Io stesso sono stato contattato appositamente da alcuni miei “amici di social” per sollecitare un “like” o una condivisione. Mi sono vergognato e mi vergogno tuttora per loro, come mi irrito quando qualcuno dei miei contatti pubblica le ecografie del proprio utero o dei propri bimbi sorridenti e ignari. Forse è questa la sfida più grande che ha oggi davanti la scuola: l’educazione alla vita in Rete. Ci vorranno – temo – delle generazioni, perché ad oggi in moltissime famiglie siamo ancora allo stato di abbrutimento digitale assoluto e non esiste per questo nessun piano di istruzione nazionale.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Bolzano mon amour. E lo dico da napoletana

next
Articolo Successivo

La giornalista Romanelli presenta “Web, Social ed etica”: “Ecco come creare una cultura della riservatezza”

next