Nulla da rimproverarsi sul caso Spataro: “Ho twittato a operazione effettuata”. Così Matteo Salvini, ospite dell’ultima puntata di “Accordi&Disaccordi”, il programma tv realizzato da Loft Produzioni e condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, in onda su Nove, torna sulla polemica che lo ha visto protagonista insieme al procuratore di Torino Armando Spataro che, alcuni giorni fa si era “lamentato con lei perché durante un’operazione contro la mafia nigeriana, lei ha twittato mentre l’operazione era in corso”, ricorda Luca Sommi. “Se è già parlato tanto però io le leggo una frase: ‘Un ministro dell’Interno che twitta su indagini in corso non merita neppure un commento. il fatto in sé la dice tutta su quel personaggio’. Chi l’ha detto?”, chiede il giornalista. “Non lo so, c’è l’imbarazzo della scelta, basta aprire i giornali tutti i giorni”, risponde il vicepremier. “Lo ha detto lei, riferendosi ad Angelino Alfano – rivela il conduttore – Quando era ministro dell’Interno sul caso di Yara Gambirasio“. “Attenzione, io ho ringraziato la polizia perché mi è arrivato il comunicato di operazione effettuata – precisa il leader del Carroccio – La lingua italiana non è un’opinione, operazione effettuata cosa significa?”. “Allora vuol dire che ha sbagliato il capo della polizia Franco Gabrielli“, interviene Scanzi. “Non mi interessa, mi prendo io meriti, demeriti, colpe, io ogni mattina ho il comandante dei carabinieri, della finanza, della polizia che mi dicono cosa hanno fatto e io ringrazio, perché sono il ministro e perché lo ritengo un mio piacere e dovere ringraziare gli uomini in divisa per quello che fanno con operazioni effettuate. Quindi se uno mi dice ‘operazione effettuata’, io dico: ‘Grazie'”, conclude il ministro.

“Accordi&Disaccordi” (5 episodi x 60’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi, Salvini su Nove: “Sono antifascista e anticomunista, CasaPound non è il mio modello”

prev
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi, Matteo Salvini su Nove: “Con Gattuso ci siamo chiariti, ho reagito da tifoso non da ministro”

next