Respinta la richiesta di sospensiva avanzata dal consigliere Rai in quota Pd, Rita Borioni, per il presidente di viale Mazzini, Marcello Foa. Lo ha deciso il Tar del Lazio, come apprende AdnKronos, rinviando invece la decisione nel merito sulla legittimità della nomina. Il prossimo 3 luglio il tribunale amministrativo deciderà quindi se  è stata legale o meno la seconda votazione fatta dal Consiglio di amministrazione Rai su Foa presidente, dopo la bocciatura dello stesso da parte della Commissione di vigilanza.

Foa è stato eletto lo scorso 26 settembre con 27 voti favorevoli in commissione, il minimo previsto per il via libera. Alla votazione il Partito democratico non aveva partecipato per protesta, proprio perché il governo lo aveva nuovamente indicato dopo la bocciatura dell’1 agosto scorso. I pareri legali commissionati dal Carroccio allo studio dell’avvocato Federico Freni e allo studio Villarboito&Zuffanti erano favorevoli a Foa. Al contrario, secondo lo studio DelRe&Sandrucci, ingaggiato dal Pd, “il parere negativo della Vigilanza è espressione di una valutazione amministrativa e quindi contiene implicitamente un giudizio in ordine all’(in)idoneità del candidato a ricoprire il ruolo di presidente della Rai, giudizio che, a nostro avviso, non può essere ‘superato’ con una nuova candidatura”. Sulla base di quelle considerazioni Borioni aveva deciso di ricorrere alla giustizia amministrativa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Messaggero di Sant’Antonio, così chiude la rivista cattolica più diffusa al mondo: “Decisione obbligata, perdite consistenti”

prev
Articolo Successivo

Audio Casalino, l’Ordine dei giornalisti archivia l’istruttoria sul Whatsapp contro i “pezzi di merda del Mef”

next