Questo non è un post di critica, come tanti ne ho scritti in questi anni. Non è nemmeno un post propositivo come altrettanti ne ho scritti, spesso inascoltato, da questo mio spazio.
Questo vuole essere un ringraziamento pubblico da medico e da cittadino.

Ringrazio Giulia Grillo di aver ieri destituito il Consiglio Superiore di Sanità (CSS) con due anni di anticipo sul termine previsto.

Non mi permetto di entrare nel merito ma sono contento che sia stato destituito fra gli altri un personaggio sicuramente illustre, nominato dalla Lorenzin, come Napoleone Ferrara in aperto conflitto di interesse con aziende farmaceutiche che non ha mai risposto alle numerose richieste di interviste di Sabrina Giannini sul caso Avastin-Lucentis. Naturalmente Ferrara non ha risposto alle mie infinite parole ma nemmeno si è espresso in modo spontaneo dopo il parere dell’OMS e della Corte di Giustizia Europea. Pur essendo membro e consigliere del CSS. Cosa consigliava? Ha mai partecipato ad una riunione?

Insomma un personaggio inadatto al nostro sistema sanitario. Avremmo potuto risparmiare circa un milione di euro al giorno da settembre 2011 e lui li ha fatti guadagnare alla azienda che lo pagava. In silenzio.

Una vergogna. Ma noi non dimenticheremo e spero che qualcuno porti il conto a Napoleone Ferrara che avrebbe dovuto semplicemente dire come comportarsi onestamente per non sperperare denaro pubblico a favore di BigPharma. Per questo ringrazio di cuore Giulia Grillo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Che fuori tempo che fa, Crozza ironizza con Fazio: “Cosa hai fatto a Salvini? Non ti vuole alla sua manifestazione…”

next
Articolo Successivo

Papà Di Maio, per me le sue scuse sono legittime. Ha sbagliato, ma stanno massacrando un brav’uomo

next