Allarme rientrato: per ora non ci sarà nessuna sfiducia a Nicola Zingaretti. O meglio, la mozione presentata la scorsa settimana dai 5 capigruppo di centrodestra verrà comunque discussa sabato mattina in Consiglio regionale, ma quasi tutti i partiti d’opposizione hanno annunciato il passo indietro. E’ bastato che un consigliere eletto con la Lega, Enrico Cavallari, già protagonista del “patto d’Aula” in appoggio al governatore Dem, annunciasse al mondo che “bisogna prima sfiduciare il Governo nazionale”, per spingere prima Forza Italia e poi il M5S a tirarsi indietro dalla battaglia dei numeri. Un effetto domino che ha sgonfiato la possibile crisi imminente, con il principale candidato alla segreteria nazionale del Pd che martedì sera sulle chat di whatsapp veniva dato addirittura per dimissionario dai suoi stessi compagni di partito.

CAVALLARI SALVA LA POLTRONA – Affinché la mozione, con primo firmatario Stefano Parisi, venga approvata, servirebbe il voto positivo di 26 consiglieri, quanti – tecnicamente – ne conterebbe l’opposizione senza il sostegno esterno a Zingaretti garantito da fine luglio scorso da Cavallari e dal forzista Giuseppe Cangemi. Quest’ultimo nei giorni scorsi aveva dato la sua disponibilità a chiudere l’appoggio esterno al Governatore, cosa che aveva lasciato intendere anche il primo, braccio destro di Gianni Alemanno ai tempi del centrodestra in Campidoglio. Ma è stato proprio Cavallari, questa mattina, a sciogliere la riserva con un comunicato e, di fatto, a togliersi dalla “cospirazione”. “Non voterò la sfiducia a Zingaretti – dice lui – perché, se realmente si vuole avviare un cammino verso il centrodestra unito, l’unico atto politico credibile è sfiduciare intanto il Governo nazionale” formato da Lega e M5S. “Finché ci sarà questa anomalia, non è possibile fare altro che pensare al bene dei cittadini laziali”. Tradotto: per il Lazio Zingaretti meglio di Salvini.

FORZA ITALIA E M5S NON CI SARANNO – In una situazione normale, si sarebbe comunque passati alla conta, anche per valutare la forza effettiva del governatore e provare a cercare qualche “irresponsabile” fra le fila della maggioranza. E invece, pochi minuti dopo la nota di Cavallari, ecco l’intervento del coordinatore regionale di Forza Italia, Claudio Fazzone, a portar via il pallone. “Chiamerò il mio capogruppo e gli dirò che, vista la posizione di Cavallari, è inutile andare a fare delle figure del genere in Consiglio. Lo strumento della sfiducia è serio quando ci sono realmente problemi politici forti e l’opposizione ha contezza dei numeri decide di fare la sfiducia”. Un assist raccolto anche dalla capogruppo del M5S, Roberta Lombardi: “Non ci sono più le condizioni per presentare la mozione di sfiducia. Chiedo di ritirarla perché abbiamo già sprecato una settimana di lavoro per questa buffonata”. La stessa ex deputata grillina che, pochi giorni fa, annunciava di voler “votare la sfiducia per stanare il centrodestra”.

COSA ACCADRÀ SABATO? – Durante la riunione dei capigruppo, il presidente d’Aula, Daniele Leodori, ha comunque calendarizzato – su richiesta di Parisi – la mozione per sabato 1 dicembre (nelle stesse ore si terranno le primarie per la segreteria regionale del Pd). Ma già diversi consiglieri d’opposizione hanno annunciato di non poter essere presenti alla Pisana per “impegni già presi precedentemente”. Le ben retribuite poltrone da consigliere regionale sembrano salve, così come le imminenti assunzioni di staff alla Pisana che verranno formalizzate nei prossimi giorni (segreterie e uffici stampa, soprattutto). Nicola Zingaretti, nonostante la sua anatra zoppa, torna a dormire sonni tranquilli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Morani e Nobili (Pd) fuori dal Ministero del Lavoro: “Non ci fanno entrare, piantiamo casino. Qui per tessere e Di Maio”

prev
Articolo Successivo

M5s-Lega, in Toscana lite su tutto: dai rifiuti all’aeroporto. E Ceccardi ora lancia Del Debbio per conquistare la Regione

next