A volte ritornano, potremmo dire. Non ci riferiamo ai racconti di Stephen King, o ai vestiti alla moda, ma agli SMS. I vecchi messaggi di testo, ormai soppiantati dalle chat di WhatsApp, Messenger e simili per la stragrande maggioranza degli utenti. Non per le aziende però. Per fare business l’SMS si sta riaffermando come il mezzo di comunicazione più efficacie, l’unico che permette di raggiungere il 100% dei potenziali clienti.

Il dato emerge da una ricerca di mercato condotta da Commify, un servizio di messaggistica per le aziende che si concentra su SMS, e riportato dal sito Forbes. Emerge che fra 686 aziende europee prese in esame, circa due terzi usa gli SMS per comunicare con i clienti. Molti si staranno chiedendo perché puntare su una tecnologia che ha un quarto di secolo in più rispetto a WhatsApp e Facebook. La risposta è semplicissima, come la espone l’amministratore delegato di Commify, Geoff Love: “WhatsApp può essere su centinaia di milioni di smartphone, ma non su tutti. Gli SMS sono ancora l’unico modo per raggiungere il 100% dei telefoni del mondo”. Se non ci credete, basta dare un’occhiata all’ultimo Mobility Report di Ericsson, da cui emerge che ogni dieci telefoni acquistati, due non hanno attivo un collegamento a Internet.

Immagine: Depositphotos

 

Non  stupisce, quindi, fare mente locale e accorgersi che catene di negozi, studi medici, estetisti e altro, comunicano sconti e promozioni via SMS, non via chat. Nella settimana del Black Friday vi saranno arrivate decine di segnalazioni di questo tipo. Quello che si prospetta è una realtà spaccata in due, dove le app di chat sono il canale di comunicazione preferenziale fra amici e parenti, gli SMS sono lo strumento di business. Alla faccia di Mark Zuckerberg, che all’inizio di quest’anno ha portato anche in Italia WhatsApp Business per conquistare il mercato aziendale. O forse Zuckerberg si era accorto del ritorno di fiamma degli SMS e ha cercato di correre ai ripari, per ora senza centrare l’obiettivo.

Probabilmente non lo centrerà almeno per un altro anno. Infatti, secondo i dati di una ricerca condotta dalla società di consulenza MobileSquared, nel 2017 gli operatori di telefonia mobile hanno generato 8,95 miliardi di dollari in vendite, oltre tre quarti del totale. E la percentuale è destinata a crescere, fino ad arrivare all’84% nel 2022. Gli SMS quindi si riscoprono attuali, nonostante l’età e il limite di 160 caratteri. Del resto, la sintesi spesso è più efficacie di un papiro.

La guerra però non è definitivamente persa. Stando ai dati ufficiali della società di ricerca Morning Consult Research, a gennaio 2018 il 52% delle Piccole e Medie Imprese italiane dichiarava che la chat ha contribuito alla crescita del proprio business. Il 69% delle stesse aziende afferma che ha anche aiutato a comunicare con i clienti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Forvola è “la jeep dei cieli”, il superdrone italiano che solleva fino a 200 Kg

next