La protesta di giovedì scorso da parte di cinque esponenti del movimento “Non una di meno” in consiglio comunale ha prodotto l’effetto sperato. È stata infatti ritirata la mozione pro-vita presentata dal consigliere comunale di Forza Italia Luigi Amicone. La proposta anti legge 194 del rappresentante azzurro aveva l’obiettivo di impegnare il sindaco e la giunta ad inserire nel prossimo assestamento di bilancio “congrui finanziamenti” alle istituzioni, associazioni e gruppi che sostengono in modo concreto politiche a favore della famiglia e delle politiche pro-vita.

La mozione è stata ritirata dopo il dibattito in aula, con gli interventi dei vari consiglieri. La discussione del documento è stata accompagnata anche dalle proteste in piazza della Scala di alcune attiviste di “Non una di meno” che, vestite con un mantello rosso e copricapo bianco, hanno volantinato contro la proposta e contro il decreto Salvini sulla sicurezza. Alcune di loro, presenti in aula tra il pubblico del consiglio comunale, hanno sventolato fazzoletti rosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista