Oltre 400 persone ieri pomeriggio hanno partecipato a Reggio Calabria al sit-in organizzato da Libera per esprimere solidarietà ai titolari di “Zero Glutine”, la panetteria distrutta da un incendio doloso la notte tra il 14 e il 15 novembre. Un’intimidazione consumata in pieno centro storico e secondo le modalità tipiche della ‘ndrangheta. Nonostante i colpi inferti dalla magistratura e dalle forze dell’ordine, le cosche segnano il territorio e lo fanno colpendo, questa volta, un’attività commerciale avviata poche settimane prima. Sull’attentato sta indagando la Direzione distrettuale antimafia. Intanto, però, Libera ha chiesto che Anna Pontari e la sua famiglia non vengano lasciati soli.
“Zero Glutine era un sogno. – ha spiegato la titolare della panetteria – Era un progetto iniziato cinque anni fa e finalmente eravamo riusciti a portarlo avanti. Purtroppo qualcuno non era contento È durato tutto un solo mese. È stata una cosa devastante. Oggi mi trovo solo con una montagna di fumo. Non voglio sapere chi è stato perché è un uomo di niente, ma perché”.
Al sit-in ha partecipato anche il presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra secondo cui “questo è un momento in cui la città ha avuto lanciata una sfida. Devo incontrare il prefetto di Reggio Calabria perché la legge 44 del 1999 ha anche alcuni articoli che sanciscono tempi stringenti. Chiederò alla prefettura di farsi carico in tempo reale”.
Morra stigmatizza anche le istituzioni che non erano presenti alla manifestazione: “Molto spesso lo Stato è stato inadempiente. Anzi lo Stato da queste parti è stato latitante. Io rispondo per la Commissione antimafia non per altre istituzioni. Questo era il caso in cui tutti coloro che vogliono spendersi a favore della giustizia avrebbero dovuto essere presenti. Voi sapete meglio di me chi possa essere giustificato e chi no”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, nel solo VII municipio accertati altri trenta abusi edilizi dei Casamonica. Ma sono finiti i fondi per gli abbattimenti

prev
Articolo Successivo

Bari, al quiz con microtelecamere e auricolari: incastrati i “furbetti” delle patenti. Ecco come superavano l’esame

next